hezbollah_lista_UE_terrorismo_2013

HEZBOLLAH NELLA LISTA UE DEL TERRORISMO

  •    
    ​Il Primo Ministro israeliano Binyamin Netanyahu
  • icon_zoom.png
     : GPO
     
     
  • (Comunicato del consigliere del Primo Ministro per i Media)

  •  
    Il Primo Ministro Binyamin Netanyahu accoglie favorevolmente la decisione dell'Unione Europea di inserire Hezbollah nella lista delle organizzazioni terroristiche:
     
    "Accolgo con favore il fatto che l'UE abbia dichiarato anche Hezbollah un'organizzazione terroristica, e ringrazio i leader dei suoi stati membri.
     
    Negli ultimi anni lo Stato di Israele ha profuso il suo impegno per spiegare a tutti gli Stati membri dell'UE che Hezbollah è il braccio terroristico del regime iraniano e perpetra attacchi in tutto il mondo. Per anni, l'organizzazione ha compiuto attacchi contro civili innocenti in tutto il mondo. Recentemente hanno cercato di compiere decine di attentati, alcuni dei quali sono stati effettivamente eseguiti, in Asia, Africa, America ed Europa, tra cui la riprovevole strage in Bulgaria e lo sventato attacco a Cipro.
     
    Allo stesso tempo, migliaia di agenti di questa organizzazione terroristica continuano in Siria a perpetrare crimini di guerra e a partecipare al massacro in corso in quel paese, al fianco delle forze di Assad. Fino a oggi hanno ucciso circa 100.000 civili innocenti.
     
    Per quanto concerne lo Stato di Israele, Hezbollah è un’unica organizzazione, i cui bracci sono indistinguibili. Essa ha imposto un regime terroristico in ampie aree del Libano trasformandole in un protettorato iraniano, e vi sta accumulando decine di migliaia di razzi. Questi razzi sono stati collocati nel cuore di aree abitate da popolazione civile e sono designati a colpire centri abitati in Israele.
     
    Mi auguro che l'applicazione della decisione porti a compiere passi concreti contro l'organizzazione."

     

     APPROFONDIMENTI:

    Hezbollah – International Terrorist Organization (in inglese)

    * Outlawing Hizbollah: a mark of leadership in complex times (ARTICOLO DI DANIEL TAUB, The Telegraph, 22.07.2013)