itf

ITF-ODIHR cooperazione

  •  
     
  •  
  •  

    Ambasciatore Tom Vraalsen e il Presidente dell’ITF Dan Tichon (GPO)​

     

     

     
    Il 21 Luglio 2010, un accordo di cooperazione tra l’ITF (Task Force per la Cooperazione Internazionale per il Ricordo e la Ricerca sull’Educazione all’Olocausto) e l’ODIHR (Ufficio per le Istituzioni Democratiche e i Diritti Umani) è stato firmato presso il Ministero degli Affari Esteri a Gerusalemme, alla presenza del Vice Ministro degli Affari Esteri Daniel Ayalon.
     
    ODIHR conta 57 membri ed è una branca operativa dell’OSCE (Organizzazione per la Sicurezza e Cooperazione in Europa) che tratta con programmi educativi e segue le istanze sulla xenofobia, principalmente quella antisemita, e l’odio.
     
    L’ITF conta 27 stati tra i suoi membri, soprattutto europei. E’ stato fondato 10 anni fa per iniziativa della Svezia con lo scopo principale di preservare il ricordo dell’Olocausto attraverso l’educazione, la ricerca e luoghi della memoria.
     
    Questo anno, per la prima volta, Israele è stato scelto come guida dell’ITF. Il precedente Presidente della Kneseet, il signor Dan Tichon, nè sarà il Direttore e l’Ambasciatore Yakov Rozen sarà il coordinatore politico.
    Il Signor Tichon e il Direttore dell’ODIHR Janez Lenarcic, un ex autorevole diplomatico che in passato ha anche ricoperto l’incarico di consigliere del Primo Ministro di Slovenia, Lunedì ha firmato il memorandum d’intesa; e il Vice Ministro degli Esteri Danny Ayalon ha accolto la firma dell’accordo, dicendo che essa darà un enorme spinta alla lotta contro la delegittimazione di Israele, e ha detto che “Ci sono alcuni che negano l’Olocausto e che stanno preparando il prossimo”. “Noi dobbiamo preservare la memoria dell’Olocausto affinché un simile orrore ed odio non si ripeta mai ed il mondo diventi un posto più sicuro”.
    Ci si aspetta che il nuovo accordo porti la battaglia contro l’antisemitismo e la negazione dell’olocausto nell’arena globale, creando una cooperazione tra i membri di entrambe le organizzazioni, (87 paesi in tutto).
    In questo modo l’ODIHR raggiunge altre sei organizzazioni associate con la Task Force i cui rappresentanti fungono da osservatori presso: l’ Un, DPI, UNESCO, EU FRA e presso il Consiglio Europeo.